Siete in: home page


Palenque - Messico




Palenque

Palenque è un sito archeologico maya situato nello stato messicano del Chiapas. Il sito, si trova totalmente
immerso in mezzo alla foresta, e anche se occupa un'area vastissima, la zona visitabile è molto ridotta, essendo la gran parte degli edifici sepolti ancora dalla vegetazione. Al tempo, il popolo Ch'ol che abitava le zone, lo chiamava Otolum, che significa "terra con forti case", poi De la Nada, il primo spagnolo a visitare le rovine, lo tradusse approssimativamente come Palenque, che significa "fortezza". Questo divenne poi il nome della città. Un altro antico nome di Palenque fu Lakam Ha, che si può tradurre come "grandi acque", per i fiumi e le grandi cascate che si trovano nella zona del sito. Palenque che fu riscoperta solo nel 700, conobbe il suo massimo splendore sotto il re Pakal che governò la città fra il 615 e il 683 d.C. A Pakal succedette il figlio Chan Balum, che continuò le grandi opere di edificazione del padre, ma alla sua morte Palenque iniziò un rapido, e inspiegabile declino. Il principale edificio di Palenque è il Templo de las Inscripciones (Tempio delle Iscrizioni), la cui costruzione è stata iniziata da Pakal e terminata da Chan Balum. Il tempio è alto 25 metri, suddivisi in otto piani, uniti da una scalinata di 69 gradini. La sua cima è coronata da una cresta di stucco, tipica delle costruzioni di Palenque.
Tempio delle Iscrizioni - Palenque
Palenque: Tempio delle iscrizioni
Sulle pareti interne vi è un lungo testo geroglifico inciso nella pietra che racconta della dinastia regale e delle imprese di Pakal. Inoltre, nel 1952, all'interno del tempio, è stata scoperta una cripta contenente un sarcofago, si tratta della tomba di Pakal. I Maya, come gli egizi, usavano le loro piramidi come luoghi di sepoltura. Altri importanti edifici di Palenque sono: El Palacio (il Palazzo), edificio residenziale del sovrano, si articola in numerose stanze, corridoi e cortili ed è fornito di impianti di scolo collegati all'acquedotto della città. Davanti al Palacio, sorge un gruppo omogeneo di tre templi: Il Templo de la cruz (il Tempio della Croce), il Templo de la cruz foliada (il Tempio della Croce Fogliata) e il Templo del Sol (il Tempio del Sole). Questo gruppo fu fatto erigere dal re Chan Bahlum per celebrare la sua ascesa al trono nel 683 d.C. Il Tempio del Sole è molto ben conservato. Possiede una cresta ancora intatta e al suo interno è rappresentata l'adorazione del sole. Il Tempio della Croce venne chiamato così perché il grande pannello interno mostra un Albero della Vita (la ceiba che affonda le radici nell'Inframondo, attraversa il mondo degli uomini con il suo tronco e arriva al Cielo con i suoi rami) che agli occhi dei primi scopritori apparve come una Croce. Ai lati dell'albero si vede il re Pakal che trasmette al figlio i simboli del potere. Nel Tempio della Croce Fogliata l'albero della vita compare insieme a pannocchie di mais, simbolo di fertilità, e al quetzal, un uccello sacro per i Maya.

Mappa del sito
Mappa del sito